Per voi il cinema è spettacolo. Per me è quasi una concezione del mondo. Il cinema è portatore di movimento. Il cinema svecchia la letteratura. Il cinema demolisce l'estetica. Il cinema è audacia. Il cinema è un atleta. Il cinema è diffusione di idee. Ma il cinema è malato. Il capitalismo gli ha gettato negli occhi una manciata d'oro. Abili imprenditori lo portano a passeggio per le vie, tenendolo per mano. Raccolgono denaro, commovendo la gente con meschini soggetti lacrimosi. Questo deve aver fine. Il comunismo deve togliere il cinema di mano agli speculatori. Il futurismo deve far evaporare le acque morte: gli stagnamenti e il moralismo. Senza questo avremo o il tip-tap d'importazione americana, o i soli "occhi con la lacrimuccia" dei vari Mogiuchin. La prima di queste due possibilità ci è venuta a noia. La seconda ancora di più.

[Vladimir Majakovskij Mosca 1922]