La bozza del rapporto dell'Organizzazione Meteorologica Mondiale sul cambiamento climatico globale nel 2020 descrive il continuo deterioramento su tutti i fronti


Ogni anno a partire dal 1993, l'Organizzazione Meteorologica Mondiale pubblica un rapporto sullo Stato del Clima Globale riferito all'anno precedente.

Il testo provvisorio del rapporto sullo Stato del Clima Globale 2020, pubblicato questa settimana per la discussione e la revisione, dimostra che il cambiamento climatico ha continuato la sua inarrestabile marcia anche nel 2020, anno che è sulla buona strada per essere uno dei tre anni più caldi mai registrati.

Il 2011-2020 sarà il decennio più caldo mai registrato, con i sei anni più caldi a partire dal 2015.

L’incremento della temperatura degli oceani è a livelli record e oltre l'80% degli oceani ha visto incrementare la temperatura in uno stesso periodo del 2020, con ripercussioni diffuse per gli ecosistemi marini che già risentono delle acque più acide dovute all'assorbimento di anidride carbonica (CO2).

Il rapporto, che si basa sui contributi di decine di organizzazioni ed esperti internazionali, mostra come eventi ad alto impatto tra cui il caldo estremo, incendi e inondazioni, nonché la stagione da record degli uragani atlantici, hanno colpito milioni di persone, aggravando la minaccia alla salute e alla sicurezza umana e alla stabilità economica imposta dalla pandemia COVID-19. Il rapporto finale del 2020 sarà pubblicato a marzo del 2021.



Il rapporto provvisorio inizia con dodici indicatori principali.

Gas serra. Le concentrazioni dei principali gas serra, CO2, CH4 e N2O, hanno continuato ad aumentare nel 2019 e nel 2020.

Riscaldamento globale. Nonostante il ripetersi regolare del fenomeno oceanico-atmosferico de La Niña [raffreddamento delle acque superficiali tropicali dell’oceano Pacifico], la temperatura media globale nel 2020 è destinata a essere una delle tre più calde mai registrate. Gli ultimi sei anni, compreso il 2020, rischiano di essere i sei anni più caldi mai registrati.

Innalzamento dei mari. Il livello del mare è aumentato in tutte le registrazioni altimetriche, ma recentemente il livello del mare è aumentato a un ritmo più elevato, in parte a causa dell'aumento dello scioglimento delle calotte glaciali in Groenlandia e in Antartide. Il livello medio globale del mare nel 2020 era simile a quello del 2019 ed entrambi sono coerenti con una tendenza a lungo termine. Un piccolo calo globale del livello del mare nell'ultima parte del 2020 è probabilmente associato al manifestarsi delle condizioni climatiche de La Niña, simile ai cali temporanei associati a precedenti eventi dello stesso tipo..

Ondate di calore marino. Ad oggi, oltre l'80% dell'area oceanica ha subito almeno un'ondata di caldo marino nel 2020. La maggior parte dell'oceano ha subito ondate di calore marino classificate come "forti" (43%) piuttosto che "moderate" (28%).

Riscaldamento degli oceani. Il 2019 ha visto il più grande incremento delle temperature degli oceani mai registrato e il tasso di riscaldamento nell'ultimo decennio è stato superiore alla media di lungo termine, indicando il continuo assorbimento di calore dovuto allo squilibrio radiativo causato dai gas serra.

Il ghiaccio marino dell’Artico. L'estensione annuale minima del ghiaccio marino è stata la seconda più bassa mai registrata nell'Artico e nei mesi di luglio e ottobre le estensioni osservate del ghiaccio marino sono state le minime mai registrate. L'estensione del ghiaccio marino antartico e rimasta vicina alla media sul lungo termine.

Il ghiaccio della Groenlandia. La calotta glaciale della Groenlandia ha continuato a perdere massa. Sebbene il bilancio della massa in superficie fosse vicino alla media di lungo termine, la perdita di ghiaccio a causa del distacco degli iceberg è stata la più alta dalle registrazioni satellitari degli ultimi 40 anni. In totale, circa 152 Gt di ghiaccio sono state perse dalla calotta glaciale tra settembre 2019 e agosto 2020.

Pioggia e inondazioni. Nel 2020 si sono verificate forti piogge e vaste inondazioni su gran parte dell'Africa e dell'Asia. Forti piogge e inondazioni hanno colpito gran parte del Sahel, il Corno d'Africa, il subcontinente indiano e le aree limitrofe, la Cina, la Corea, il Giappone e parti del sud-est asiatico in vari periodi dell'anno.

Uragani atlantici. Con 30 uragani registrati (al 17 novembre), la stagione degli uragani nell'Atlantico settentrionale ne ha registrato il maggior numero, con un numero record che si è abbattuto sugli Stati Uniti d'America. L'ultimo uragano della stagione (ad oggi) Iota, è stato anche il più intenso, raggiungendo la categoria 5.

Altre tempeste tropicali. L'attività delle tempeste tropicali in altri bacini è stata vicina o inferiore alla media a lungo termine, sebbene vi siano stati gravi impatti.

Grave siccità. Nel 2020, una grave siccità ha colpito molte parti dell'interno del Sud America; le aree più colpite sono l'Argentina settentrionale, il Paraguay e le aree del confine occidentale del Brasile. La stima delle perdite agricole si avvicina ai 3 miliardi di dollari per il Brasile, con ulteriori perdite in Argentina, Uruguay e Paraguay.

Migrazione indotta dal clima. Gli eventi climatici e meteorologici hanno innescato movimenti significativi della popolazione e hanno gravemente colpito i migranti più vulnerabili, compresa la regione del Pacifico e dell’America centrale.




Fonte: Climate and Capitalism 04.12.2020