MULTISALA VERDI DI VITTORIO VENETO
serata speciale in collaborazione con Cinema e Ambiente - martedì 25 maggio ore 20:00

Gunda
documentario, Norvegia, USA 2021, 93', b/n
Regia di Viktor Kosakovskiy

Gunda è un documentario che racconta la vita quotidiana di un maiale, la scrofa Gunda, che vive insieme ad altri animali in una fattoria, sita nella Foresta Nera. In compagnia di due mucche, un pollo con una zampa sola e le galline, il maiale con la sua routine scardina le prospettive della narrazione, raccontando una storia profonda.
Attraverso il punto di vista di un maiale o il muggito di una mucca, il film racconta come non siamo l’unica specie in grado di provare emozioni, avere coscienza o volontà. Un’opera straordinaria con una potenza visiva unica, per ricordarci il valore della vita di tutti gli animali, compresa la nostra. Prodotto da Joaquin Phoenix e acclamato da Paul Thomas Anderson, un film di profonda importanza, un’opera d’arte sull’esistenza in grado di trascendere le barriere spesso fittizie che separano le specie.

Puro cinema, un film dentro il quale tuffarsi – È spogliato fino ai suoi elementi essenziali, senza interferenze. È quello a cui tutti dovremmo aspirare sia come pubblico che come filmmaker – immagini e sonoro messi insieme per raccontare una storia profonda e potente senza fretta. Le immagini strabilianti e il sono uniti al cast migliore possibile formano più una pozione che un film
Paul Thomas Anderson

Nella prima scena c’è un po’ tutto. Vediamo la testa della scrofa uscire dalla tana nel cortile e dei rumori non bene identificabili, nell’oscurità della tana c’è qualcosa che si agita. Ci vuole poco per capire che sono dei piccoli maiali. C’è stato un parto, questi sono appena nati e subito andiamo dentro con inquadrature incredibilmente curate e vicinissime a guardare i piccoli che lottano per raggiungere le mammelle. La particolarità sta tutta nella maniera in cui qualcosa di così ordinario e noto, privo di eventi, tenga incollati in virtù della capacità di Viktor Kosakovskiy (il regista) di trovare il punto di vista più accattivante. Alcune informazioni sono nascoste dalla luce e poi si rivelano da sé e su tutto regna un grandissimo gioco sentimentale di vicinanza ai soggetti.

Andando avanti nella visione è infatti sempre più evidente che una gran parte del successo americano e dello status che questo film sta conquistando viene dal suo essere in maniera indiretta una grandissima parabola vegana. Lo stesso Viktor Kosakovskiy sostiene scherzando di essere stato probabilmente “il primo vegano della Russia” e girano anche le classiche leggende metropolitane che vogliono che il 60% della crew che ha lavorato al film sia diventata vegana dopo aver lavorato a Gunda. Il punto sta tutto nell’empatia con la vita animale e in un finale, molto furbo, molto ruffiano ma anche, va detto, molto molto centrato, in cui dopo aver visto per tutto il tempo la scrofa con i figli che crescono accade qualcosa (nulla di cruento, anzi tutto di intellettuale e suggerito) che crea un’empatia fortissima.

Gabriele Niola - Wired.it - 20.11.2020




UNA RECENSIONE

Presentato nella nuova sezione Encounters, il ‘vegano’ Gunda è probabilmente uno dei film più smaccatamente politici di questa 70ma Berlinale. Nel corso di 90 minuti ipnotici e abbacinanti, Victor Kossakovsky con la sua macchina da presa osserva Gunda, la scrofa protagonista del film, e i suoi maialini alle prese con la loro quotidianità. Insieme a loro ci sono anche una manciata di polli e qualche mucca, animali che semplicemente trascorrono le loro vite in un terreno agricolo non specificato, ma che capiremo ben presto non essere un territorio libero.
Sono molti i film in questa Berlinale che ragionano di ambientalismo e su quello che potremmo fare per cambiare il nostro presente. Quello di Kossakovsky è sicuramente il più radicale, un film potenzialmente universale, senza commento né dialogo alcuno e privo persino di musica, che non mira a documentare la coscienza animale e nemmeno a cercare affinità legate agli esseri umani o alla sfera dei sentimenti, ma semplicemente osserva. Kossakovsky prosegue il lavoro iniziato con Aquarela, film che era un omaggio all’acqua di tutto il mondo, e allo stesso tempo con Gunda va ancora più a fondo nel suo approccio, concentrandosi su un ritmo della vita estraneo a noi esseri umani.
Il regista russo filma da vicinissimo gli animali, in bianco e nero, sembra essere lì insieme a loro. La protagonista del film è una gigantesca scrofa, e la vediamo che si prende cura dei suoi piccoli, li allatta, li accompagna verso l’inizio della vita. Sporge la testa dal porcile che definisce il suo mondo, mentre i maialini le vorticano attorno e fanno a gara per farsi allattare. Kossakovsky si avvicina, con un obiettivo lunghissimo che ci permette di apprezzare i dettagli, e ci mostra tutta la tenerezza di un allattamento così selvaggio. La luce che entra soffusa illumina i peli sulla schiena dei maialini, evidenzia tutte le loro fragilità mentre annusano e si divertono, o mentre la loro madre li sposta in modo rozzo e ovviamente animalesco. Gunda poi si libera dei suoi piccoli, si riposa al sole, si avvicina alla macchina da presa e sembra guardarla. Cosa pensa? Sa quale sarà il suo destino? Cosa pensa di noi? Vedendola così da vicino non possiamo che porci simili domande.

Kossakovsky osserva questo mondo con minimalismo, sta attaccato agli animali, ce li mostra mentre si gettano nel fango, mentre scacciano le mosche o mentre cercano i vermi. Sono loro gli eroi indiscussi del film. A tratti però ci accorgiamo che hanno dei marchi, che hanno oggetti che sporgono dalle orecchie, che ci sono steccati invalicabili attorno a loro piccolo mondo, e che ci sono delle gabbie che prima non vedevamo. Sono ovviamente nostri prigionieri, e la fine che li aspetta è a noi evidente.
Senza entrare nel dibattito sullo specismo e sull’antispecismo è indubbio che nel mondo attuale esistono molte discriminazioni, di diverso tipo, e queste si presentano quando a qualcuno viene data meno considerazione morale rispetto ad altri, oppure quando qualcuno viene trattato male rispetto ad altri senza un giustificato motivo. È evidente che gli animali nel nostro ciclo produttivo sono quello che mangiamo, ed è altrettanto evidente che i numeri degli animali nel mondo sono enormemente superiori a quelli degli esseri umani proprio per soddisfare il nostro piacere alimentare. Gunda è infatti una delle diverse centinaia di milioni di maiali che abitano il pianeta; come si diceva all’inizio nel film vediamo anche qualche mucca che rappresenta circa il miliardo di bovini che ci sono sulla terra; e ci sono pure 20 miliardi di polli, che Kossakovsky rappresenta attraverso un pollo con una zampa sola, meraviglioso nel suo incerto inciampare nel mondo.
Gunda è prodotto, tra gli altri, anche dall’attore Joaquin Phoenix, noto attivista vegano e sempre attento agli animali e all’impronta degli esseri umani nel mondo. Kossakovsky non fa proclami ma ci mostra questo mondo nella sua semplicità, lasciando che la tenerezza del materiale parli da sola. L’affascinante esperimento non narrativo del regista russo va diretto verso il soggetto e cerca un contatto con questi animali, fino ad attribuire grandiosità ai perdenti, e diventare un appello notevole rivolto a noi tutti. Ci deve far comprendere, ci deve far interessare allo stato in cui vivono gli animali che ci circondano. L’unica risposta possibile per noi spettatori è interrogarci sul consumo di carne. Dovremmo cambiare qualcosa delle nostri abitudini?

Claudio Casazza - Cinelapsus 24.02.2020



UNA PICCOLA RIFLESSIONE


Proprio per il peso che attribuisce all’aspetto visivo e fotografico, Gunda perde irrimediabilmente di spessore una volta che viene ridotto allo schermo di un pc o ben che vada di un televisore, per quanto grande esso sia. Tra il film visto alla Berlinale sugli schermi del CinemaXX e quello che è apparso sui personal computer di spettatori e addetti ai lavori, c’è un oceano di differenza. Una distanza impossibile da colmare, e che dimostra come solo chi non ha cuore la cultura cinematografica e ne ignora il potenziale tecnico può pensare di sostituire il grande schermo con il piccolo, la visione collettiva in presenza con l’apparizione di un titolo su una piattaforma. Ed è una scrofa, che torna solitaria alla sua vita, a ribadirlo.

Raffaele Meale - Quinlan